Body contenitivo per armonizzare il corpo femminile

Il suo antenato è il busto steccato comparso nel XV secolo

Body contenitivo

In Europa, alla fine del 1500, gli abiti femminili lasciano la forma a tunica, ampia e sciolta, per evidenziare le forme del corpo. Inizia lo sviluppo del busto contenitivo e modellante che troverà il perfezionamento nei secoli successivi, prodotto con vari strati di tessuto e inserti di stecche semirigide ottenute dai denti della balena (fanoni) o canne di fiume.

Su questi accessori si sono raccontate storie leggendarie di svenimenti improvvisi durante le danze alle corti europee. Il busto è diventato persino oggetto di culto, ma le tecniche e i materiali disponibili allora lo rendevano scomodo e fastidioso. Ora il busto contenitivo assume la moderna definizione di shapewear che racchiude una vasta gamma di prodotti per donne plus size, quindi con forme generose o curvy.

Ogni parte dell'abbigliamento intimo può essere contenitivo e modellate, dipende dall'opportunità

body contenitivo

Esistono le tradizionali guaine più o meno alte, con o senza gambe, che ricoprono solo l’addome e il body che si estende fino al seno. Ma ci sono anche i reggiseni chiamati minimizer che riducono esteticamente la taglia del seno, le mutande a vita alta per ridurre pancia e fianchi, gli short simili alle mutande ma che arrivano a metà coscia, le canotte, i tubini e persino i perizoma.

I body contenitivi sembrano tutti uguali, come le donne...

body contenitivo

Sul mercato esistono tanti prodotti che svolgono la stessa funzione e apparentemente sembrano uguali. Come sempre, i capi d’abbigliamento si distinguono per la qualità intrinseca dovuta ai materiali utilizzati, alla progettazione, alle tecniche e alla zona geografica di produzione.

Tutto questo comporta spesso considerevoli differenze di prezzo tra un marchio e l’altro. Tuttavia, si consideri che un body contenitivo è costantemente a contatto con le parti più intime del corpo umano.

L'intimo contenitivo secondo la nostra esperienza

Per le nostre clienti abbiamo scelto Ghifer, produttore italiano di corsetteria contenitiva para-sanitaria che ricorda i pesanti busti in tessuto gommato usati dalle nonne, ma realizzata con tessuti moderni in modo da renderla confortevole come un normale capo d’abbigliamento intimo.

Diritto d’autore delle immagini: 123RF Archivio Fotografico e Ghifer Sas